microscopio odontoiatrico

Abbiamo già parlato di quanto sia importante per i dentisti l'uso dei sistemi d'ingrandimento. In questo articolo affronteremo più in dettaglio i vantaggi dell'utilizzo del microscopio in odontoiatria e quanto questo possa incidere positivamente sulla qualità delle prestazioni odontoiatriche. 

migliori dentisti italia

PERCHÈ USARE IL MICROSCOPIO IN ODONTOIATRIA 

Dotarsi di un microscopio operatorio in odontoiatria è senza dubbio un enorme investimento in termini di denaro e apprendimento.

Si tratta di uno strumento che consente di vedere fino a 30 volte più grande l’area in cui si sta lavorando, e di avere particolarmente illuminato il campo visivo.

A fronte di questi vantaggi, si richiede un approccio diverso di gestione del lavoro.

La visione microscopica, infatti, cambia i tempi e i modi di esecuzione delle terapie. Per questi motivi non tutti i professionisti si dotano di un microscopio operatorio, perché richiede davvero un grande sforzo al professionista e al suo team. 

In un lavoro di precisione come una cura odontoiatrica, godere dei benefici di un microscopio, permette di risolvere situazioni che a occhio nudo sembrano troppo compromesse.

Quasi tutti i dentisti lavorano con lenti che ingrandiscono la visione del campo operatorio, proprio per aumentare il livello di precisione delle cure che eseguono.

Il microscopio operatorio ha una serie di valori aggiunti rispetto agli occhiali ingranditori, tra i quali:

  • Fare filmati e foto mentre si eseguono i trattamenti
  • Migliorare lo stress posturale del medico e delle assistenti
  • Maggior durata nel tempo delle terapie grazie all’accuratezza possibile solo grazie alla visione microscopica

Non è un caso che i benefici delle cure eseguite al microscopio si vedano nel tempo.  Ad esempio, denti gravemente compromessi possono essere restaurati grazie alla visione microscopica, e beneficiare di tutta la capacità di ripresa dell’organismo.

 

L'IMPORTANZA DI MANTENERE I DENTI NATURALI

Contrariamente a quanto si pensi, l’odontoiatria è una branca estremamente complessa e seppur l’innovazione tecnologica consenta grandi riabilitazioni con gli impianti, un dente naturale è sempre un enorme valore nella bocca di un paziente.

Il dentista questo lo sa bene ed è chiamato quotidianamente a fare bilanci di costi e benefici per ogni singolo paziente.

Davanti a un dente gravemente compromesso, il dentista deve emettere una diagnosi (da quale patologia è affetto il dente) e una prognosi (previsione sull’andamento probabile della patologia se non curata), oltre ad individuare gli interventi e le cure necessarie rispetto alla situazione generale di salute del paziente, sia fisica che odontoiatrica.

In alcuni casi è fondamentale salvare il dente naturale, evitare estrazioni o manovre chirurgiche a causa di altre malattie in corso che possono aumentare i rischi correlati delle soluzioni individuate.  

Avere un microscopio operatorio consente di:

  • Risolvere situazioni a carico di denti gravemente compromessi
  • Documentare i passaggi chiave della terapia
  • Raggiungere livelli di precisione e di rifinitura superiori a quelli raggiungibili a occhio nudo

 

COSA COMPORTA LA CURA ESEGUITA AL MICROSCOPIO?

La conseguenza delle cure eseguite al microscopio è un costo lievemente superiore a una cura eseguita senza microscopio. Questo è dovuto a diversi fattori:

  • Il costo del microscopio che può partire dai 12-15.000 euro per quelli più semplici fino a 40-60.000 per i più accessoriati
  • Il tempo e i corsi per imparare ad usarlo
  • Il maggior tempo impiegato per eseguire una cura a regola d’arte

Questo costo aggiuntivo verrà abbondantemente ripagato dalla durata nel tempo del lavoro eseguito. Per questo motivo alcuni professionisti “garantiscono” i lavori eseguiti per almeno 5 anni.

Per determinate cure superspecialistiche, come l’endodonzia e la parodontologia, l’uso del microscopio consente di salvare denti che, altrimenti, non avrebbero possibilità di essere mantenuti, e di farlo in maniera “micro-invasiva” (cioè recando il minor disagio possibile al paziente nel post-operatorio).

I denti naturali, sono il nostro vero patrimonio da tutelare.

 

IL MIO DENTISTA USA IL MICROSCOPIO?

Si può facilmente verificare se un dentista utilizza o meno il microscopio odontoiatrico collegandosi al sito dell’ A.I.O.M. (Accademia Italiana di Odontoiatria Microscopica). Qui sarà possibile possibile visionare l’elenco dei soci.

I "Soci Attivi" sono quelli che hanno presentato all’Accademia un certo numero di casi clinici documentati per dimostrare di essere in grado di lavorare correttamente in microscopia.

 

Contributo del dr. Attilio Venerucci

> Visita la scheda di Dr. Attilio Venerucci Odontoiatra


Punteggio : 4.0 /5 - Recensioni totali: 4
Potrebbe interessarti anche: